giovedì 2 marzo 2017

Mille miglia per watt e la propagazione in 40m

"Mille miglia per watt" e la propagazione in 40m

Dopo 6 mesi di attività con l'EGV-40 in 40m, in cui i collegamenti non hanno mai superato i 3.000 km, finalmente ho trovato la giusta propagazione, ed in tre giorni sono riuscito, con estrema facilità a fare una decina di collegamenti con il Nord America ed i Caraibi, tutti compresi tra i 6.400 km e gli 8.750 km.
Sicuramente le stazioni collegate erano tutte ben attrezzate e con antenne notevoli, ma le mie condizioni erano comunque:

RIG: EGV-40, 3 watt 
MODE: CW
Antenna: "short dipole on a tree" da circa 12,5 m, a 3-5 metri dal suolo

Le condizioni di propagazione (nel cuore della notte) sono approssimativamente, per la banda dei 7 MHz, quelle di figura, con skip quindi da possibilità di collegamenti da 6.000 km ed oltre, quindi propagazione lunga:



In queste condizioni ho risposto il 12/2 a KP2M, dalle Isole Vergini U.S.A.; con incredulità mi ha risposto quasi subito (22.54 GMT); 7508 km mi sembrava incredibile, avendo l'antenna caricata e molto bassa.

Ancora incredulo durante il contest ARRL del 19/2 mi sono ripromesso di riprovare, e sempre con estrema facilità sono passato quasi sempre al primo colpo; in 29 minuti sono riuscito a collegare 8 stazioni dagli USA: W3, NR4, KQ2, N5, N1, K3, KD2. Incredibile ! Quante volte non sono riuscito di giorno a collegare, ad esempio una stazione YU o F, e qui sono passato subito. Dipende proprio molto dalla propagazione, dal rumore, e dalla fortuna!

Per finire il 27/2 alle 00.10 ecco W3PV, anche qui con estrema facilità.

Questo mi fa considerare il QRP come "non dare per scontato", "provare e riprovare"; pensavo di avere raggiunto un limite di distanza con le mie condizioni ma sono riuscito a superarlo. Ci sono ancora prove e test da fare per migliorare; altrimenti non sarebbe sufficiente un telefono?

Facendo delle simulazioni con il modello VOACAP sulla banda dei 40 m  e verso le ore 00.00 della notte (ed esagerando la mia potenza a 5W, e supponendo che il corrispondente avesse una Yagi 5 el. a 20m di altezza) avrei avuto questa probabilità di effettuare il collegamento con Dallas: 10% !


Vuol dire che i modelli sono modelli, e la pratica del QRP, con le sue sorprese, porta al divertimento (alla voglia di migliorare la tecnica del CW e di migliorare le caratteristiche della stazione, nonchè di ricercare scientificamente i migliori momenti di propagazione).

Se avessi avuto 100 watt di potenza e dipolo a 10 m di altezza avrei avuto queste probabilità di effettuare il collegamento: 60%; direi fin troppe !!! Collegamento troppo scontato !!!


73 de IZ3AYQ


mercoledì 1 marzo 2017

1000 miglia per watt in 40m

Finalmente confermati collegamenti con almeno 1000 miglia (1609,344 km) per watt.

Dopo in pochissimi giorni e con pochissimo sforzo aver cominciato a collegare ben 9 stazioni oltre oceano (Nord America e Caraibi) ecco arrivare finalmente una conferma: W3PV, in Florida USA, distante 8107 km, sempre con la potenza di soli 3 watt ed antenna caricata "short dipole" di 12,5 m.
Il collegamento è pari a circa 2702 km per watt.



Non è il collegamento più distante (N5BX, Dallas in Texas con  8752 km), ma è il più distante confermato. Ovviamente sempre con RTX EGV-40 !

73 de IZ3AYQ

 

sabato 25 febbraio 2017

A PERPETUAL PROPAGATION FORECASTER

A PERPETUAL PROPAGATION FORECASTER
PREVISIONI PERPETUE DELLA PROPAGAZIONE

Cercando tra la documentazione utilizzata in alcune attività Jota - Joti (Scout Jamboree) ho trovato questi schemi sintetici ma utilissimi a prevedere il comportamento della propagazione in HF. Allego l'articolo di G3BHK che contiene le spiegazioni per estate, inverno e le stagioni intermedie. Un utile colpo d'occhio.

Documento PDF:  A perpetual propagation forecaster





73 de IZ3AYQ

sabato 18 febbraio 2017

Finalmente 1000 miglia per watt !

Mille miglia per watt

Con l'aiuto della propagazione finalmente sono riuscito a superare le mille miglia per watt con KP2M (Isole Vergini): distanza 7608 km, potenza 3 watt, pari a 2536 kilometri per watt.




RTX: EGV-40
Mode: CW
Frequency: 7 MHz
Potenza: 3 watt
Ant: short dipole

73 de IZ3AYQ

mercoledì 28 dicembre 2016

Testing EGV-40 (and Pixie)

Testing EGV-40 (and Pixie) in 40m, dopo circa 5 mesi di attività; le località collegate sono state messe al 97% sulla mappa di Google Maps, prendendo i dati da www.qrz.com; in qualche caso non è stato possibile trovare il dato, per cui non si è messo nulla in mappa; i dati sono comunque buoni, quasi tutti gli OM hanno i  propri dati su QRZ e quasi tutti riportano correttamente le coordinate o il locatore.

Guardando le pagine QRZ.com di tutti gli OM collegati, ho visto stazioni attrezzatissime e con RTX straordinari rispetto agli RTX da me utilizzati, semplici e minimalisti; certo che anche con un piccolo RTX da meno di 100 euro si possono fare collegamenti interessanti ed impensati, aspettando la propagazione ed il momento giusto.

RTX: EGV-40
Potenza: da 2,5 a 3 watt , QRP
Antenna: dipolo caricato da 12,5 metri circa
Altezza antenna dal suolo: circa 3 metri, con antenna vicinissima alla casa
( colore blu: usati 2,5 watt; colore giallo: usati 3 watt)
(colore blu scuro: 2,5 watt ed antenna "magnetic loop")

RTX: Pixie
Potenza:0,9 watt, QRPp
Antenna: dipolo caricato da 12,5 metri circa
Altezza antenna dal suolo: circa 3 metri, con antenna vicinissima alla casa
(colore: verde)




Link alla mappa :  Mappa

73 de IZ3AYQ



mercoledì 21 dicembre 2016

END FED ZEPPELIN

END FED ZEPPELIN ANTENNA PER I 7 MHz / 40 M


L'antenna presenta una alta impedenza di ingresso (sui 4.000 ohm) e per essere alimentata dallo stadio finale del trasmettitore deve essere adattata dal circuito in figura, che divide l'impedenza per 81 di modo che  (4000/81)=50 ohm (circa).
Per far lavorare l'antenna dove l'effetto reattivo è nullo (quindi l'impedenza non presenta valori complessi ma solo reali) è bene vi sia un contrappeso lungo circa 0,05 lambda.

73 de IZ3AYQ

Test EGV-40 in 40 m

Test EGV-40 in 40 m

 Ho testato l'EGV-40 per circa 5 mesi, ovviamente in 40m, CW. L'inizio è stato difficile, ma perchè dovevo riprendere il CW: ero proprio fuori allenamento. Adesso va meglio, comincio a capire di più ed a rispondere correttamente; è stato necessario esercizio di orecchio  e di ascolto per capire lo slang del CW.



Condizioni di lavoro:

RTX: EGV-40
Potenza: da 2,5 a 3 watt , QRP
Antenna: dipolo caricato da 12,5 metri circa
Altezza antenna dal suolo: circa 3 metri, con antenna vicinissima alla casa

Risultato del test (5 mesi di attività blanda, per lo più sabato, domenica ed alla sera, di solito non più di 20 minuti):

Collegamenti effettuati: 254
Collegamenti confermati: 77
Stati collegati: 34
Continenti: 3 (Europa, Asia, Africa)

I collegamenti sono molto facili su distanze da 200 km ad 800 km, di giorno; un po' più difficoltosi dagli 800 ai 1400 km di distanza; sono più rari e difficili verso i 2000 km di distanza. Il collegamento più lungo è di circa 2200 km.

Sembra a questo punto di aver trovato il limite del sistema utilizzato, costituito da: RTX + Antenna + Posizione antenna + Altezza antenna dal suolo. Ecco quindi il desiderio di migliorare il sistema di antenna, che è il vero punto critico: passare cioè dal dipolo caricato di 12,5 metri ad una antenna che abbia più guadagno e sia posizionata meglio, più alta e libera da ostacoli. Nella figura il dipolo in parte caricato (ramo verso destra) ed in parte che ha un ramo lanciato sopra un albero (ramo verso sinistra). Questo per far capire le condizioni di antenna.



Stò quindi pensando ad una antenna End Fed Zeppelin di 20 metri di lunghezza.

73 de IZ3AYQ